b i o

ailuros bio

Ailuros, gruppo di teatro contemporaneo e performing art italiano, nel 2013 lavora a in your shoes, progetto sostenuto dall’Unione Europea e vincitore del bando europeo Youth in Action. Nel 2010-2011 realizza il progetto Over There – le città performattive.10, sostenuto dall’Unione Europea e vincitore del bando europeo Youth in Action, nel 2010 il progetto Spaziculturali.it, per uno studio sulle performance che abitano i non-luoghi del territorio, sostenuto da CSV Treviso, nel 2009 Le Città PerformAttive, sostenuto dalla Regione Veneto e dal Ministro della Gioventù e vincitore Premio Giovani Produttori di Significati 2009.

Principali produzioni: “I am the passenger” (2013), realizzato con la collaborazione di Color teatri e col sostegno dell’Unione Europea, “Personae” (2012), “Yogurt” (2011), coprodotto da Operaestate, “Interview”, studio sul tema della mobilità in Europa (2010), coprodotto da Passport, col sostegno dell’Unione Europea, “The invisible man”, 5 studi sul tema della videosorveglianza (2009), coprodotto da A_P, col sostegno della Regione Veneto.

Ailuros indaga il rapporto con il proprio territorio attraverso il coinvolgimento diretto del pubblico e il linguaggio del teatro multimediale. Coinvolge attivamente gli spettatori in tematiche come la migrazione, il controllo sociale, la videosorveglianza, il rapporto tra individuo e collettività, grazie ai progetti sostenuti dall’Unione Europea e dalla Regione Veneto.

Ailuros guarda al teatro e alle arti performative contemporanee come possibilità di incontro-dialogo tra le varie discipline artistiche. Attraverso la contaminazione di differenti codici (teatro, danza contemporanea, scrittura, musica, video art, performing art), il suo vocabolario mescola linguaggi sperimentali e tecnologie interattive. Ailuros ricerca attraverso i linguaggi della connettività e dell’interattività, portando in scena internet e le nuove tecnologie e puntando ad una comunicazione allusiva.

L’incontro dei codici artistici è subordinato all’incontro con lo spettatore. Le differenti discipline non sono tanto formule utili a costruire la scena, quanto differenti possibilità di instaurare un rapporto con lo spettatore. L’interazione con i performer, l’essere oggetto di riprese video live, l’utilizzo della rete sono momenti scenici utili a portare la performance stessa all’interno della sensibilità e non solo dell’occhio dello spettatore.
Nei contenuti Ailuros riconosce il suo vocabolario. La civiltà globale, la società contemporanea attraggono con forza le declinazioni sceniche del gruppo. La videosorveglianza, il ruolo individuale e collettivo, l’onere della propria posizione, il confronto con le infinite schegge della popolazione mondiale sono elementi contenutistici che ritornano, rimandano uno all’altro, accrescendo per analogia la poetica di Ailuros.
I lavori di Ailuros sono rivolti ad una riflessione sul territorio e gli spazi urbani, proprio a partire da forme alternative di utilizzo degli stessi, e ad una sperimentazione dell’azione teatrale in luoghi non convenzionali: propone performance che si plasmano sui luoghi della messa in scena.

 

performing art & teatro contemporaneo